... in frac

... in frac

martedì 31 dicembre 2013

N.2013 M.2013

Un mio amico si è fatto l'esame di coscienza di fine anno e mi ha chiesto se mi doveva dei soldi.
Io non ci credo ancora.
E rido perché è la prima cosa "sensata" che sento oggi.

La gente non fa altro che creare nuovi e positivi propositi che puntualmente non soddisferà.

Non ha senso.
Come non ha senso l'attesa per la fine e l'inizio di un nuovo anno, perché ci si aspetta sempre troppo e si ottiene sempre troppo poco.
Bitch please.

Io adoro stare in mezzo all'anno, periodo Maggio/Giugno, quando ancora si ha tempo di lasciar perdere o provarci ancora, senza l'ansia di ricominciare, senza la speranza di trovare qualcosa di meglio, senza l'angoscia di aver fallito.


Schopenhauer dice
«La vita umana è come un pendolo che oscilla incessantemente fra noia e dolore, con intervalli fugaci, e per di più illusori, di piacere e gioia,  ecco a metà anno io mi trovo immersa in quei labili piaceri.
Comunque, aspetto impaziente l'oroscopo di Paolo Fox, perché le mie calze smagliate hanno boicottato la notte di  San Silvestro.
FAMOSE DU RISATE E ARRIVEDERCI A TUTTI.



Lady H.















p.s: abbiate la decenza di non pomiciare in pubblico e in piazza.