... in frac

... in frac

martedì 24 luglio 2012

Ricetta torta "chiaramente omosessuale"

Devo dire che il Digitale Terrestre mi ha distrutto la vita.
In meglio (?).


Qualche giorno fa ero sdraiata sul divano mangiando biscotti dietetici e facendo dello snervante zapping, quando sono incappata in una serie interminabile di programmi di cucina.
GNAM!
Così, fantasticando sui cuochi e su quello che stava sotto quei grembiuli sporchi di cibo, ebbi una rivelazione:
"FA' UN DOLCE!"


Quindi ieri, armata di grembiule con tanto di paperelle e determinazione, iniziai a creare "una torta chiaramente omosessuale":


Ingredienti:
- 600 gr di pesche (equivalgono più o meno a 3 pesche).
- 200 gr di cioccolato fondente.
- 100 gr di burro.
- 4 uova.
- 100 gr di zucchero.
- 50 gr di farina.


Procedimento:
Prendete le pesche (mi sento così Benedetta Parodi!) e mettetele a scottare in una pentola con acqua già in ebollizione per circa 10 minuti, poi scolatele in acqua fredda, sbucciatele e tagliatele a pezzi non troppo piccoli.
Quindi prendete un tegamino e aggiungete il cioccolato spezzettato e, aggiunto il burro, fatelo ammorbidire.
Dopodiché mettete il tutto a bagnomaria e fate sciogliere (la cucina si riempirà un un delizioso profumino e vi verrà voglia di prendere i biscotti e immergerli nel cioccolato fuso, MA NON FATELO.)


Intanto dividete i tuorli d'uovo dagli albumi (facendo attenzione a non buttare gli albumi -.-") e montate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto bianco e spumoso.
Aggiungetevi la farina e poi il cioccolato fuso con il burro, mescolate il tutto con un cucchiaio di legno e aggiungete gli albumi montati a neve; infine aggiungete le pesche e mescolate il tutto.


Versate il tutto in una tortiera già imburrata e infarinata e mettete in forno già caldo a 180° per 40 minuti.








Il risultato dovrebbe essere più o meno questo:














Consigli:

Non chiedete a vostro padre di fare da aiuto-cuoco, vorrà fare il capo-cuoco e farà solo danni.
Mettete la torta in frigo per una notte, il giorno dopo sarà più compatta e l'agro delle pesche si sarà confuso con il cioccolato.


Per il resto buon GNAM!


Lady H.

5 commenti:

  1. Dio che buona dev'essere
    ma perchè l'hai chiamata omosex?

    RispondiElimina
  2. E' buona quanto pesante :D

    Comunque l'ho chiamata "torta chiaramente omosessuale" a causa di una mia amica che ha creato un tormentone tutto nostro, ma nello specifico perché è buona e genuina come la comunità gay, è una torta esplosiva!

    RispondiElimina
  3. direi che è riuscita chiaramente omosessuale al punto giusto. :D
    <3

    ps: mi mancava commentare un tuo blog. **
    pps: esplosiva?! lol.

    RispondiElimina
  4. Perfetta!

    p.s: mancava anche a me c:

    RispondiElimina
  5. Ho l'acquolina in bocca! *_*

    RispondiElimina