... in frac

... in frac

sabato 25 agosto 2012

uomini...


Volevo parlarvi di un uomo, di un uomo che mi è stato presentato da terzi come un pomposo essere umano pieno di sé, saccente "quaquaraquà" sputa-sentenze, utile solo a dar fastidio (?).

Ebbene, ora vi parlo di un altro uomo, dell'uomo che ho conosciuto io, e non di un uomo in quanto essere fallo dotato, ma di un Uomo. Con la "u" maiuscola e non solo quella.

Certa gente si scopre nei momenti peggiori e riescono a salvarti.
Lui mi ha salvata…


"Non fare così, eh?! Vieni, vieni con me un attimo fuori."
Già solo il suo braccio sconosciuto intorno la mia spalla mi infondeva tranquillità, pace, conforto.

"Che hai?"
"Secondo te?! Ho paura, sono terrorizzata.
Che devo fare?"
"Aiutarla, e devi essere forte.
E trova qualcuno che ti ami, perché qualcuno deve riempire questo vuoto che hai e deve darti conforto.
Io sono uguale a te e ti capisco, ma sono solo.
Non ho figli e in questo momento ti sto parlando da padre, sii forte e combatti, non c'é via d'uscita.
Eh!? Hai capito, tesoro?"

Ho capito, sì.


Lady H.




4 commenti:

  1. Un vero padre! Due consigli + tocco magico.
    Ti invidio per questa conoscenza! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta davvero poco per rendere "felici" una persona.
      Tutto ciò mi ha commosso :,)

      Elimina
  2. Troppo spesso i migliori vengono scambiati per peggiori solo per una questione di 'comodo'... è facile dire male di qualcuno, piuttosto che guardare oltre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso lo faccio anche io, non lo nego, ma quando poi ci accorgiamo del contrario è veramente, VERAMENTE meraviglioso.

      Elimina